Breve storia dell'ukulele

rimuovete questi annunci

Questa breve storia dell'ukulele proviene da UkuleleHunt. È stata scritta da Alistair Wood e riprodotta con il suo permesso. Lo ringrazio per avermi permesso di pubblicarla! Se cercate una guida completa e accurata, date un'occhiata a Nalu Music di John King. Quella che segue è una storia molto breve e talvolta non del tutto accurata dell'ukulele.

La storia dell'ukulele inizia in Europa

Nel XVIII secolo esisteva già una lunga tradizione di strumenti a corda e a tastiera. Le chitarre e i liuti più grandi erano stati sviluppati in versioni più piccole, particolarmente popolari tra i musicisti di mare. In Portogallo, la chitarra si era ridotta fino a diventare un "machete", mantenendo la forma a otto. Anche se la forma non era più necessaria su una scala così piccola.

Musicisti di campagna da A History of Madeira 1821 Collezione di John King
"Musicisti di campagna", da A History of Madeira, 1821. (Collezione di John King)

Nel 1879, la Ravenscrag salpò per le Hawaii con quattro ebanisti portoghesi a bordo. Iniziarono a costruire strumenti per la popolazione povera e rurale delle isole. Lo strumento che prese piede fu una nuova versione del machete.

Gran parte della verità dietro la mitologia dell'ukulele è andata perduta. Da dove deriva il suo nome? E l'accordatura? E perché gli è stato dato il nome di "pulce saltellante"? Un aspetto della storia dell'ukulele è un dato di fatto: fu un grande successo per la famiglia reale hawaiana e per gli hawaiani in generale. All'inizio del XX secolo, l'ukulele si era affermato come strumento nazionale.

Gli uomini d'affari hanno rubato le Hawaii agli hawaiani

Dopo l'annessione delle Hawaii da parte degli Stati Uniti - o quando "gli uomini d'affari rubarono le Hawaii agli hawaiani", come dice Bob Brozman - i nuovi governanti erano desiderosi di commercializzare l'arcipelago nell'America continentale come un'isola tropicale da sogno. La loro spinta fu l'Esposizione Internazionale di Panama-Pacifico del 1915. L'esposizione comprendeva molta musica per ukulele e presentava gli ukulele di Jonnah Kumalae. Questo scatenò il boom dell'ukulele negli anni Venti tra le persone che sognavano una fuga in un'isola mitica.

miss wildemann annie cleghorn principessa kaiulani 1889

Poi la storia dell'ukulele cominciò ad allontanarsi da una novità puramente hawaiana. Lo strumento divenne così intrinseco alla cultura musicale che, all'inizio degli anni Trenta, la maggior parte degli spartiti per pianoforte presentava diagrammi di accordi di ukulele. Grazie a Ukulele Ike, l'immagine dell'ukulele fu quasi completamente stravolta, diventando associata a bar fumosi, trilli e canzoni jazz.

Aumento delle sale musicali nel Regno Unito

Quando Wall Street crollò nel 1928, l'economia americana andò in picchiata. Così come la popolarità dell'ukulele.

Tuttavia, l'ukulele iniziò a diventare popolare nei music hall del Regno Unito. Qui i musicisti preferivano il banjolele, dal suono più forte e duro. La più grande star dell'epoca fu George Formby, il cui strimpellare il banjolele fu la quintessenza del suono della Seconda Guerra Mondiale. Formby diede un vero e proprio impulso alla storia dell'ukulele.

La Seconda Guerra Mondiale ha dato il via a una rinascita dell'ukulele negli Stati Uniti. Le truppe tornarono dalle Hawaii con degli ukulele ricordo. Dopo la guerra, l'adesione dell'isola allo stato ufficiale degli Stati Uniti fu l'occasione perfetta per una strimpellata celebrativa.

Il boom dell'economia dei consumi negli Stati Uniti degli anni Cinquanta ha fatto sì che i prodotti di plastica di massa invadessero i negozi. L'ukulele era uno strumento ideale da vendere ai bambini su vasta scala. Il produttore di chitarre jazz Maccaferri colse al volo l'opportunità, introducendo una gamma di ukulele in plastica.

Arthur Godfrey e Tiny Tim

Questo fenomeno fu rafforzato dall'uso dell'ukulele da parte della star televisiva Arthur Godfrey. Nasce il secondo boom dell'ukulele.

l'isolano arthur godfrey ukulele boom di consensi

La figura poco aspirazionale di Tiny Tim è stata la colonna sonora della caduta di popolarità dell'uke negli anni '60 e '70.

Per la maggior parte degli anni Novanta, la scena musicale alternativa è stata dominata da gruppi di chitarra tradizionale. Come reazione a questa situazione, il primo decennio del 2000 ha visto crescere una scena alternativa acustica che utilizzava suoni più eclettici e una strumentazione più insolita. L'ukulele ha trovato spazio in questo sound con gruppi come "The Magnetic Fields".

Internet rende di nuovo popolare l'ukulele

Due tendenze molto importanti hanno contribuito a rendere l'ukulele nuovamente popolare. La prima è stata la comparsa di Internet, seguita dall'enorme aumento delle importazioni dalla Cina e dall'Oriente. Internet ha fatto conoscere a molte persone la musica dell'ukulele. Questo ha creato un'impennata nel numero di persone che sono state ispirate a prendere in mano lo strumento da altri come loro. Molti suonano per il proprio divertimento piuttosto che per la superstar.

Avete bisogno di ulteriori informazioni sulla storia dell'ukulele?

Non esitate a contattarmi se avete bisogno di ulteriori informazioni sulla storia dell'ukulele, perché questa è solo una breve panoramica.

Visto che siete qui, volete saperne di più sulle parti dell'ukulele?

AVETE UNA DOMANDA?

Abbonarsi
Notifica di
ospite

3 Comments
I più votati
Newest Oldest
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
rimuovete questi annunci
Non vendere i miei dati